Eventi

 
 
Immagine Alessandra Casu
Architettura moderna in Cina | Alghero - Aula Santa Croce 21 Febbraio 2017 ore 15.00
di Alessandra Casu - lunedì, 20 febbraio 2017, 13:27
 

in bilico fra natura, storia, cultura, metafisica e globalizzazione


Lo straordinario tasso di crescita delle cosiddette “tigri asiatiche”, e della Cina in particolare, si riflette nell’immagine di città che crescono tumultuosamente, dando luogo a immense megalopoli in cui la relazione col paesaggio appare come una difficile mediazione fra tradizione e modernità, fra orgoglio nazionalista, Fung Shui e globalizzazione… le architetture oscillano fra stilemi locali e simboli internazionali, tra recupero del passato e sostituzione totale, tra villaggio tradizionale e grattacielo.

Ne parla un testimone privilegiato, l’architetto italiano Paolo Vincenzo Genovese, dal 2004 professore ordinario all’Università di Tianjin: un osservatorio al centro dei più importanti processi, una città-stato in grande crescita, un tassello importante della prossima megalopoli di oltre cento milioni di abitanti fra Pechino e il mare, un luogo della colonizzazione europea in Oriente che affronta le grandi sfide globali ma non si rassegna a perdere la propria identità.

BIO
Paolo Vincenzo Genovese, architetto, ha conseguito laurea e Dottorato di Ricerca al Politecnico di Milano, è membro del prestigioso Aspen Institute e professore ordinario presso l’Università di Tianjin in Cina dal 2004. È stato chief architect per progetto CMR, Corgan Associates, KX International, ILC, GHD, JAL & Partner, L&A Design group, realizzando numerosi progetti a diverse scale in Mongolia, Italia, Cina, Bangladesh e vincendo premi in concorsi internazionali.

È autore di numerosi testi in diverse lingue, tra cui le monografie: Hans Scharoun e Günther Domenig (nella collana “Universale di Architettura”), alla Decostruzione alla Cyberarchitettura, Cubismo in Architettura.


Locandina